Unioni civili, Scilipoti nuovo leader di una destra ferma al Levitico

0
913
Scilipoti unioni civili
Scilipoti unioni civili

Ddl unioni civili. L’intervento di Scilipoti diventa emblema di una destra che vive nel Levitico. M5S voterà solo senza compromessi al ribasso


di Flavia Viglione.

Prosegue il dibattito sul disegno di legge sulle unioni civili in Senato. Tra i numerosi interventi, quello del senatore Scilipoti diventa emblema della posizione della destra italiana che non riesce nemmeno a pronunciare le parole “stepchild adoption”.
Il senatore di Forza Italia Domenico Scilipoti, nel corso del suo intervento ha esordito dichiarando “inammissibile che non vengano ancora regolamentate le unioni civili”. Poi, da uomo di fede quale si proclama, ha proseguito citando un passo dal Levitico in cui si parla della conversione di Saul, che ha presentato come “allegoria sulla proposta di legge Cirinnà che magari folgorata sulla via di damasco, possa riflettere su come questo ddl sia un pessimo approccio alla soluzione del problema delle unioni civili e alla tutela delle coppie omosessuali”.
“Noi del M5S – chiarisce invece il senatore del M5S Alberto Airola – siamo tutti compatti a favore del ddl Cirinnà” ma “sia ben chiaro che se impoverito non lo votiamo”, dichiarazione che scandisce la tensione tra M5S e PD in merito al provvedimento sulle unioni civili.

Facebook Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteUnioni Civili: Illustri Senatori alzate il livello del dibattito in Aula
Articolo successivoFan di Adinolfi invoca l’ISIS all’Ariston come al Bataclan contro Elton John
Flavia Viglione
Nata il primo Settembre 1990 a Roma. Laureata in Lingue e Letterature Europee e Americane e laureanda nel corso magistrale dello stesso indirizzo. Oltre a scrivere con motivazione per LGBT News Italia, mi interesso di traduzione e di temi antropologici, di cui scrivo due volte al mese su un’altra rivista on line. Per la mia laurea triennale, ho scritto una tesi sul “Sense of humor” in una prospettiva linguistica inglese, tesi in cui ho combinato entrambe le mie curiosità per la lingua e per l’antropologia. Progetto un periodo di studio per la mia prossima tesi all’estero.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quattro + uno =