Fan di Adinolfi invoca l’ISIS all’Ariston come al Bataclan contro Elton John

1
985
Le vignette di LGBT News Mario Adinolfi e Costanza Miriano
Le vignette di LGBT News Mario Adinolfi e Costanza Miriano

Mario Adinolfi definisce Elton John “spot vivente dell’utero in affitto” e un suo fan auspica un attentato dell’ISIS all’Ariston come al Bataclan


di Emanuele Longobardi.

Dopo la fallimentare esposizione mediatica del Family Day, la frangia omofoba della società italiana tenta di far notizia attaccando il Festival di Sanremo. Sembrerebbe che la storica kermesse della musica italiana quest’anno sia particolarmente sensibile alla questione diritti civili, proponendo nel programma ospiti famosi che, in un modo e nell’altro, hanno a che vedere con la maternità surrogata.

Non solo Elton John.

L’attenzione dei media è puntata su Elton John, la pop star apertamente gay e parte di una famiglia arcobaleno. Tuttavia anche Nicole Kidman, la diva di Hollywood, ha usufruito della GPA per avere un bambino e proprio come Elton John, sarà presente sul palco dell’Ariston come madrina dell’evento. Spunta anche il nome di Hozier, il noto artista irlandese, che per l’occasione si esibirà con una canzone che parla di omofobia e Chiesa. Nessuno sa in che modo questi due vip si porranno alle serate liguri ma gli omofobi nostrani sono già partiti all’attacco.

Mario Adinolfi: “Elton John, spot vivente all’utero in affitto.”

Il celebre esponente del mondo omofobo italiano, Mario Adinolfi, ha esordito così quest’oggi sulla sua pagina Facebook: “La Croce oggi apre ponendo domande alla Rai sul Festival di Sanremo che punta su Elton John, spot vivente all’utero in affitto, gli affianca Nicole Kidman, neotestimonial della maternità surrogata, oltre a Hozier, costringendolo a cantare un brano di due anni fa in cui mette in parallelo omofobia e Chiesa…”. Tutto ciò ovviamente come preambolo per allarmare e convincere i suoi seguaci della necessità che il suo giornale torni a essere stampato( e che di conseguenza lui torni a guadagnarci su).

L’Ariston come il Bataclan.

Il messaggio di Adinolfi, pubblicato sulla sua pagina per infuocare gli animi e per pubblicizzare il suo giornale è stato subito accolto con commenti omofobi.

Ma, nella sua pagina, c’è stato chi confida addirittura sul fatto che l’ISIS possa compiere un attentato a Sanremo come fece con le stragi di Parigi al Bataclan. A denunciarlo è la pagina Mamme che non vogliono Adinolfi pubblicando uno screen che riporta il commento di un certo Gianluca Bonetti, certamente inequivocabile: “All’Ariston spetta la stessa sorte del Bataclan. Confido nell’ISIS.”

fan di adinolfi invoca isis a sanremo

«Ecco in cosa consiste il Giubileo della misericordia» è il commento sarcastico dei gestori della pagina.

Insomma, la macchina del fango è stata avviata e c’è chi, non controllando la propria foga, casca nel tranello e si abbandona in frasi vergognose e gravi. Le provocazioni non finiranno sicuramente qui ma si spera che frasi come quella riportata sopra, che fanno riferimento a pagine tremende della storia europea e mondiale, non siano più utilizzate per una tifoseria dal sapore tipicamente ultrà.

Facebook Commenti

commenti

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.