Adozioni, Beppe Grillo e Luigi Di Maio contro Nichi Vendola

0
908
grillo di maio
grillo di maio

Nasce il figlio di Nichi Vendola. Beppe Grillo: “È veramente possibile che si blateri di amore pensando a Vendola?”. Di Maio: “Sulle adozioni referendum popolare”.


Di Emanuele Longobardi.

Nichi Vendola diventa padre. L’annuncio dell’arrivo di Tobia Antonio, il figlio di Nichi Vendola appunto, ottenuto con la tecnica della GPA in California, scuote la società italiana, che si appresta a modificare la politica familiare fino ad ora vigente. Le polemiche, costruite ad hoc dai detrattori del DDL sulle unioni civili, non tardano ad arrivare. Dichiarazioni sono giunte da personaggi ormai noti per la loro omofobia, come Vittorio Sgarbi che su Facebook ha “elegantemente” dichiarato: “Dal c… non esce niente”. Anche Avvenire si è espresso contro questo felice evento ma se il giornale dei vescovi è noto in queste uscite poco edificanti, molti sono rimasti esterrefatti dalle dichiarazioni di alcune personalità cardine del Movimento 5 Stelle.

Movimento 5 Stelle contro la GPA.

La società civile aveva storto il naso al loro dietrofront inaspettato al Senato e si era dimostrata incredula al goffo spettacolo di Beppe Grillo nei pressi del teatro Brancaccio. La vera reazione di  sdegno, tuttavia, arriva proprio in queste ore, dopo che Beppe Grillo, sfruttando la nascita del figlio di Nichi Vendola, ha dichiarato: “È veramente possibile che si blateri di amore e diritti intimi pensando a Vendola proprio mentre stiamo dimenticando chi ha messo al mondo noi?”. La rete è già esplosa in un acceso dibattito su quanto Beppe Grillo abbia finto in questi mesi di essere a favore delle unioni civili, quando viene dato un nuovo affondo alla GPA. Questa volta è Luigi Di Maio a parlare, direttamente da Repubblica Tv, che dichiara: “Per le coppie omosessuali l’adozione sic et simpliciter va affrontata con un referendum popolare”. L’indignazione della rete è palpabile, sopratutto perché molti non si sarebbero aspettati delle parole del genere da un partito politico che si è sempre posto come un difensore dei diritti civili.

A molti non sembra essere piaciute le parole di Luigi Di Maio, in virtù del fatto che i diritti basilari di un individuo e di una coppia, per altro già disponibili per gli eterosessuali, debbano essere messi ai voti. Voti che potrebbero essere faziosi e pilotati da gruppi omofobi che, sfruttando il loro potere sociale ed economico, possono utilizzare in modo più efficace i social media per persuadere la cittadinanza tutta.
Insomma, Nichi Vendola padre ha dato alla luce non solo uno splendido bambino ma anche un fruttuoso stratagemma per scoprire chi è davvero dalla parte del mondo LGBT e chi no.

Facebook Commenti

commenti

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

18 − 8 =