“Diritti alla meta”, Roma si tinge d’arcobaleno. In 40 mila in Piazza del Popolo

1
1381
diritti alla meta emma e famiglie arcobaleno
diritti alla meta emma e famiglie arcobaleno

Circa 40 mila persone hanno aderito alla manifestazione di oggi pomeriggio in Piazza del Popolo a Roma. E su Twitter, l’hashtag #dirittiallameta diventa trending topic. Tanti i big e le big presenti. Commozione generale quando hanno conquistato il palco i bimbi delle famiglie arcobaleno che hanno cantato con Emma Marrone. Guarda le foto e i video nella pagina Facebook di LGBT News Italia.


Di Flavia Viglione.

Oggi, 5 marzo 2016, Roma ha ospitato una manifestazione arcobaleno che farà la storia. Una piazza festante, sì, ma decisa a ribadire che con le Unioni Civili si sia fatto solo un primo passo.

Già da prima delle ore 15 in Piazza del Popolo hanno iniziato a sventolare decine di  bandiere delle associazioni che hanno organizzato e supportato una giornata importante come quella di oggi, fra cui Arcilesbica, Arcigay, Agedo, Famiglie arcobaleno, Mit, Rete Genitori Rainbow, Gay Center, Mario Mieli, Rete Lenford, UAAR.

La comune determinazione nel chiarire a gran voce di non essere cittadini di serie B a cui vengono concessi dei diritti solo per metà, ha creato un’atmosfera di seriosa festività. Tante le persone presenti in piazza, fra coppie con più di 50 anni di vita insieme, famiglie arcobaleno ma anche eterosessuali e decine di cartelli dagli slogan chiari e diretti sventolanti in aria.

Sul palco, una brillante Giulia Innocenzi ha presentato l’evento e i vari interventi degli organizzatori.

“Ci sono solo cittadini di serie A – ha esordito la giovane conduttrice di Anno Uno – e noi vogliamo diritti di serie A. Siamo qui per dire che vogliamo il matrimonio egualitario e siamo qui per dire che ogni coppia, qualunque coppia e qualsiasi coppia deve poter realizzare il suo desiderio e il suo sogno e il suo amore di diventare una famiglia”.

Tra gli interventi anche quello della leader della CGIL Susanna Camusso.

Dal palco anche l’esilarante esibizione di una suora molto particolare, Mikaela Cappucci in arte suor Melodia, che “per un attimino piccolo piccolo piccolo” ha temuto di “essere stata catapultata per errore in un Stato laico”.

Tanti i big e le big presenti sul palco Carlo Gabardini, Paola Turci, Cecile, Emma Marrone. Proprio con Emma uno dei momenti più emozionanti del pomeriggio: quando sul palco hanno fatto il loro ingresso i bambini delle famiglie arcobaleno, che hanno lasciato volare in aria palloncini colorati.

Una manifestazione doveva esserci e c’è stata. Il “buco nel cuore”, dato dallo stralcio della stepchild adoption, aspetta ora di risanarsi e da domani riprenderà la lotta per di scrollare di dosso dall’Italia quell’atteggiamento medievalista che ormai ha i giorni contati.

Facebook Commenti

commenti

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro + tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.