Esce Weekend, Teodora film contro CEI: “vetusti e omofobi”

3
1136
weekend nudo maschile
weekend nudo maschile

È bufera sul film a tematica gay Weekend. La CEI attacca: “Scabroso”. Secca la risposta di Cesare Petrillo di Teodora film: “Vetusta e omofoba categorizzazione, Chiesa ferma a secoli fa, prova ancora orrore per il corpo maschile”.


Di Emanuele Longobardi.

È uscito oggi solo in 10 sale italiane Weekend.

Il film a tematica gay, uscito per la prima volta nel 2011 e diretto da Andrew Haigh, rappresenta un esercizio di stile che sfonda il muro dei pregiudizi ed arriva a toccare vette di puro lirismo.

Un fine settimana di passione.

La storia narra di due ragazzi, Glen e Russell, che si incontrano in un locale gay. Folgorati l’uno dall’altro, i due decidono di passare una notte di sesso focoso. L’amplesso sessuale tuttavia svela qualcosa di molto più profondo e di intimo, che non sembra però essere destinato a continuare: Glen deve infatti trasferirsi a New York il lunedì successivo. I due protagonisti si concedono dunque un intenso fine settimana di passione, tra sesso, effusioni e confessioni personali. La loro complicità sembra essere amplificata dalla loro diversità: Glen è un ragazzo che vive appieno la propria sessualità mentre Russell è una persona timida e discreta, fedele ad un’idea della società prettamente eterocentrica. La passione che provano per l’altro sarà motivo di evoluzione personale e i due amanti riusciranno persino a scorgere il senso della loro vita grazie ad essa.

L’attacco dei vescovi.

Ad un giorno dal suo debutto nei cinema italiani, c’è chi il film non l’ha già digerito. La Commissione Nazionale Valutazione Film della CEI ha definito il film in questione: “Sconsigliato, non utilizzabile, scabroso”.

Repentina su Il fatto quotidiano la risposta di Cesare Petrillo, di Teodora Film, la casa produttrice che presenterà il film in Italia:

“Di fronte ad una vetusta e omofoba categorizzazione come questa nessuno mi toglie dalla testa che non avrebbero usato le stesse parole se la coppia fosse stata eterosessuale. Questi giudizi dimostrano l’orrore provato per il corpo maschile e verso l’omosessualità da parte di una Chiesa Cattolica ferma a secoli fa“.
La polemica sembra essersi placata, mentre il film sta per debuttare nelle sale italiane in lingua originale e con sottotitoli in italiano.

Facebook Commenti

commenti

3 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

cinque × 2 =