Militanti ISIS lanciano gay dai palazzi: arriva il videogioco

0
337
Milo Tosser
Milo Tosser

È appena uscito un videogioco che riproduce i crimini dei militanti dell’ISIS. Scopo del gioco: buttare i gay dai palazzi.


Di Emanuele Longobardi.

Il variegato mondo videoludico, spesso osannato come vera e propria fucina di capolavori interattivi ma altresì costantemente sotto attacco per l’uscita di titoli violenti, oggi ha un nuovo protagonista al centro delle polemiche: Milo Tosser.

Ammazza l’omosessuale.

In Milo Tosser il giocatore vestirà i panni di un trio di militanti dell’ISIS che, dall’alto di un palazzo, dovrà gettare di sotto un omosessuale. Il gioco si sviluppa in vari livelli, con vari gradi di difficoltà dovuti all’altezza del palazzo, agli ostacoli che il  corpo deve evitare e ai punti di atterraggio della vittima. Una volta caduto al suolo, inoltre, ad attendere l’innocente appena massacrato c’è un’orda di islamici pronti a lapidarlo.

Un gioco scandaloso per una buona causa.

Ho voluto realizzare un videogioco che mettesse in evidenza un serio problema che dobbiamo affrontare nel mondo di oggi. Tale questione è fondamentale, perché l’Islam insegna l’intolleranza non solo verso gli omosessuali e le donne, ma anche nei confronti dei non musulmani in generaleha dichiarato Micharl Garber.

Secondo il creatore, il gioco non è omofobo, ma sarebbe nato per sensibilizzare il mondo sulle violenze perpetrate dai militanti dell’ISIS nei confronti di omosessuali, donne, credenti di altri culti e dissidenti.

Neppure il nome del videogioco è casuale: il Milo in questione è Milo Yiannopoulos, scrittore omosessuale britannico legato all’estrema destra e sostenitore delle terapie riparative.

Facebook Commenti

commenti

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

3 + diciassette =