Cara Mussolini: meglio froci che indagati come tuo marito

0
643
Cara Mussolini: meglio froci che indagati come tuo marito

[Attenzione! Questo post – come tutti quelli che precedono il primo articolo pubblicato direttamente sul sito, il 30 ottobre 2014 – è tratto dalla vecchia pagina Facebook che ha preceduto la creazione del sito]


[shareaholic app=”recommendations” id=”11600284″]

Vi ricordate di Alessandra Mussolini? Quell’eroe degli antigay col suo famoso: “Meglio fascisti che froci”. Bene, suo marito è iscritto nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta sulla prostituzione minorile a Roma (fonte TG3 ore 14:20).
Ecco che fine fanno i paladini della famiglia “tradizionale”. Gli pseudocattolici antigay possono andare davvero fieri dei loro rappresentanti in Parlamento: un po’ divorziati, un po’ evasori, un po’ traditori, un po’ indagati per associazione mafiosa, un po’ per sfruttamento della prostituzione, un po’ per concussione, un po’ difendono i pedofili con gli emendamenti, un po’ non sanno neanche di cosa parlano. Si dice: “dimmi con chi stai e ti dirò chi sei”.
Bene Alessandra, oggi possiamo risponderti a gran voce: “Meglio froci che indagati“. La storia rende sempre giustizia ai suoi eroi.

Facebook Commenti

commenti

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quindici − 4 =