Jóhanna Sigurdardóttir: prima premier lesbica d’Islanda e del mondo

3
4492

di Davide Betti


Jóhanna Sigurdardóttir, nata a Reykjavík il 4 ottobre 1942, socialdemocratica, nel 1970 sposò Þorvaldur Steinar Jóhannesson avendo con lui due figli, uno nato nel 1972 ed uno nel 1977. Dopo il divorzio di Jóhanna dal marito, conobbe Jónína Leósdóttir (nata nel 1954), autrice e sceneggiatrice, divenne la sua partner e nel 2002 hanno celebrato un’unione civile e dopo nel 2010, l’hanno convertita in matrimonio.

Lei è la premier che ha salvato lo Stato islandese dalla bancarotta, portandolo ad avere ritmi di crescita superiori a quelli della media dell’Unione Europea e la disoccupazione al 6.3%, ottenendo il plauso del FMI. Un referendum ha salvato gli islandesi che si sono rifiutati di pagare il debito fatto dalle banche (private) del proprio paese, processando i politici che hanno favorito gli azzardi finanziari, fino a processare l’ex premier Geir H. Haarde e i banchieri che li hanno messi in atto, cosa tristemente impensabile in Italia.

Una ricetta eccezionale che parte dalla parità di genere, dando molti spazi di potere alle donne, legalizzando il matrimonio gay, fino ad arrivare al grande incentivo della cultura, in particolare musica e letteratura, portandola a produrre denaro come l’estrazione dell’alluminio. Il turismo è tornato, i posti letto per luglio e agosto sono esauriti, l’azienda aerea di stato Icelandair ha raddoppiato le sue rotte ed è nata WOW una nuova linea aerea per accogliere ulteriori turisti nella terra del ghiaccio, storia ben diversa dalla “nostra” Alitalia.

I burocrati di Bruxelles in tv minacciano che con l’uscita dall’ euro i prezzi delle case precipiterebbero sicuramente, in Islanda invece si sono impennati del 10% in attivo e le vendite delle Mercedes Benz sono improvvisamente aumentate.

La sanità e la scuola pubblica sono di alto livello, portando i milionari dell’epoca a iscrivere i propri figli nelle scuole di stato, perché di qualità come quelle private. La sua Ministra dell’Educazione, Scienza e Cultura Katrin Jakobsdottir, manda un messaggio per il nostro paese:

un altro mondo è possibile, un’altra Italia è possibile!

La nomina di Jóhanna Sigurdardóttir è considerata storica perché è diventata la prima capa di governo al mondo dichiaratamente omosessuale.

Facebook Commenti

commenti

3 COMMENTI

  1. 1) la signora non è più Primo ministro da un pezzo
    2) paragonare l’economia di un paese come l’Islanda all’economia italiana mi sembra molto azzardato
    3) cosa d’entrano Bruxelles, l’euro e l’Europa? L’Islanda non fa parte dell’UE e non ha mai avuto l’Euro. Direi che il giornalista avrebbe dovuto controllare meglio le proprie fonti

  2. Consiglio di rileggere l’articolo…..

    1) Non c’è scritto che è in carica, ma parte della storia d’Islanda

    2) Il paragone tra Islanda ed Italia non l’abbiamo fatto noi ma la Ministra

    3) l’adesione all’Euro e all’Eutopa era in corso ma poi bocciata dagli islandesi

  3. Consiglio di rileggere l’articolo…..

    1) Non c’è scritto che è in carica, ma parte della storia d’Islanda

    2) Il paragone tra Islanda ed Italia non l’abbiamo fatto noi ma la Ministra

    3) l’adesione all’Euro e all’Europa era in corso ma poi bocciata dagli islandesi

LASCIA UN COMMENTO

10 + tre =