Minutillo, Fratelli d’Italia, denunciato da Gay Lex: “Risponderà del suo odio in tribunale”

0
480
francesco minutillo
Gay Lex  denuncia Francesco Minutillo, segretario provinciale di Fratelli d’Italia di Forlì, per istigazione all’odio razziale. Nel mirino degli avvocati lo sfogo omofobo e xenofobo su Facebook. Intanto, il partito di Giorgia Meloni lo molla e lo sospende.

Di Andrea Miluzzo

Uno sfogo su Facebook adesso gli costerà il tribunale. A finire nel mirino degli avvocati di Gay Lex, questa volta, è stato il post omofobo e razzista del segretario provinciale di Fratelli d’Italia di Forlì, Francesco Minutillo.

A seguito delle polemiche il post era stato eliminato. Il suo contenuto però era stato ribadito tale e quale, citando anche Hitler, in due interviste. La prima nel corso del programma radiofonico ‘La Zanzara’, la seconda, rilasciata a ‘Il Resto del Carlino’ di Forlì.

Il politico, che appare nostalgico delle politiche discriminatorie del partito fascista, chiedeva l’istituzione di “nuove leggi razziali a tutela della cristianità”.

“Cani islamici”, “froci”, “negri”, “schifosa costituzione”, “maiali partigiani” sono alcuni degli epiteti utilizzati nel post incriminato.

post razzista di minutillo
Il post dell’esponente di Fratelli d’Italia, Francesco Minutillo.

“Mentre i cani islamici ci uccidono e ci sterminano – aveva scritto Minutillo dal suo profilo social – noi pensiamo a fare leggi perché i froci si possano sposare e ci scandalizziamo se un negro viene accoppato dopo aver aggredito un italiano. Che paese di merda! Servono nuove leggi razziali a tutela della cristianità. Ma gli italiani popolo bue non lo faranno anche per colpa della nostra schifosa costituzione scritta dai maiali partigiani“.

Così, dopo le tante segnalazioni ricevute, gli avvocati di GAY LEX hanno deciso di denunciare Francesco Minutillo per istigazione all’odio razziale. Un giudice dovrà quindi pronunciarsi sul

caso.

Minutillo, intanto, è già stato sospeso da Fratelli d’Italia, il partito di Giorgia Meloni, di cui era ai vertici come segretario provinciale.

Giarratano, Gay Lex: “Minutillo risponderà del suo odio in Tribunale”.

Parla senza mezzi termini di sproloquio fascista, razzista, e omofobo Michele Giarratano, che, insieme a Cathy La Torre, è alla guida di Gay Lex.

“Le dichiarazioni di Minutillo sono razziste ed omofobe – spiega raggiunto da LGBT News – ed anche se non colpiscono direttamente la comunità lgbt abbiamo deciso di intervenire e denunciarlo perché l’odio – sia esso di matrice razzista o omofoba o transfobica – va fermato con la Giustizia”.

Lo Studio legale da 2 anni offre assistenza legale alle persone gay, lesbiche, transessuali, intersessuali, bisessuali e un servizio di consulenza gratuito contro le discriminazioni sul lavoro e i crimini d’odio legati all’orientamento sessuale.

Recentemente, il team di avvocati ha invitato la comunità LGBT a segnalare dichiarazioni omotransfobiche. Chiunque può farlo scrivendo a info@gaylex.it. I casi in cui si prefigura il reato di istigazione alla violenza – promettono i legali – verranno portati in tribunale.

“Auspichiamo – conclude Giarratano – che al più presto la legge Mancino-Reale venga estesa anche ai crimini dettati da omo/transobia.”

Facebook Commenti

commenti

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre × 4 =