Monsinor Charamsa, ufficiale della Congregazione per la Dottrina della Fede fa coming out e gela il Vaticano: “Sono felicemente gay e ho un compagno. Chiesa apra gli occhi”

4
334
Monsinor Charamsa. Coming out
Monsinor Charamsa. Coming out

di Andrea Miluzzo.


Monsignor Charamsa plurincaricato in Vaticano fa coming out e dichiara di avere un compagno e di essere felice: “L’amore omosessuale è un amore familiare. Aprano gli occhi”. Vaticano, spiazzato, in vista del Sinodo imminente trema per terrore effetto domino. Padre Lombardi: “Deve abbandonare gli incarichi presso la Congregazione della Dottrina della Fede e le università pontificie”.  Vescovo di Pelplin: “Grave e irresponsabile oppressione mediatica alla vigilia del Sinodo”

«Voglio che la Chiesa e la mia comunità sappiano chi sono: un sacerdote omosessuale, felice e orgoglioso della propria identità. Sono pronto a pagarne le conseguenze, ma è il momento che la Chiesa apra gli occhi di fronte ai gay credenti e capisca che la soluzione che propone loro, l’astinenza totale dalla vita d’amore, è disumana».

Con queste parole si rivela al mondo monsignor Krzysztof Charamsa, in una conferenza stampa che provocherà certamente un ciclone in vista dell’imminente sinodo dei vescovi che dovrà discutere appunto di temi come la pastorale per le persone omosessuali.

Continua sotto le immagini…


[shareaholic app=”recommendations” id=”11600284″]

Tanto più che il sacerdote che ha fatto coming out non è un semplice pretacchiolo di provincia, ma una figura che per gli incarichi ricoperti ha un peso enorme nella compagine vaticana. Charamsa è ufficiale della Congregazione per la Dottrina della Fede dal 2003, segretario aggiunto della Commissione Teologica Internazionale vaticana e insegnante di teologia alla Pontificia Università Gregoriana e al Pontificio Ateneo Regina Apostolorum di Roma.

Mai prima d’ora un sacerdote con un ruolo così importante in Vaticano aveva avuto il coraggio di fare un gesto così importante e plateale  dichiarandosi disponibile a pagarne le conseguenze.

Monsignor Charamsa, tra l’altro, ha dichiarato di dedicare il suo gesto a “tutti i sacerdoti omosessuali della chiesa” confermando pubblicamente, forse per la prima volta, sebbene a livello ufficioso, ciò che si sa da sempre – che sono cioè tantissimi i sacerdoti che nascondono la propria omosessualità dietro l’abito talare – ha dichiarato di essere felicemente fidanzato con un uomo da tempo – altra prassi nota e stranota – ha sostenuto a chiare lettere che il suo intento, proprio in vista del Sinodo, è quello di scuotere la sua Chiesa perché “aprano gli occhi” alla consapevolezza che “l’amore omosessuale è un amore familiare” e, infine, ha fatto sapere che sarà presente all’incontro dei cattolici LGBT organizzato dal Global Network of Rainbow Catholics e previsto oggi a Roma.

Quando i giornalisti gli hanno chiesto se è vero che in Vaticano ci siano “tantissimi” gay il sacerdote ha annuito, commentando:

«In ogni società di soli uomini ci sono più gay che nel mondo come tale».

Immediata la reazione del portavoce della sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi:

«Non potrà continuare a svolgere i compiti precedenti presso la Congregazione della Dottrina della Fede e le università pontificie».

Secondo Ryszard Kasyna, vescovo di Pelplin, in Polonia e ordinario diocesano del monsignore:

«La scelta di operare una manifestazione così clamorosa alla vigilia del Sinodo appare molto grave e non responsabile, poiché mira a sottoporre l’assemblea sinodale a una indebita oppressione mediatica».

Ma monsignor Charamsa non si lascia intimidire nella sua scelta di liberazione interiore e dichiara:

«Se non fossi trasparente, se non mi accettassi, non potrei comunque essere un buon sacerdote perché non potrei fare da tramite alla felicità di Dio. Penso che su questi temi la Chiesa sia in ritardo rispetto alle conoscenze che ha raggiunto l’umanità. È già successo in passato: ma se si è in ritardo sull’astronomia le conseguenze non sono così pesanti come quando il ritardo riguarda qualcosa che tocca la parte più intima delle persone. La Chiesa deve sapere che non sta raccogliendo la sfida dei tempi».

Facebook Commenti

commenti

4 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

tre × due =