Oggi 28 giugno, fu Stonewall: l’inizio della libertá

1
661
Il 28 giugno ricorre l’anniversario dei moti di Stonewall. Una data importante per il movimento LGBT.

Christian G. Moretti

Nasceva il movimento di liberazione LGBT. Il 28 giugno, infatti, venne scelto, simbolicamente, come giornata dell’orgoglio LGBT proprio a seguito dei moti che segnarono New York nel 1969.

Il contesto storico:

Fino agli anni sessanta, le incursioni della polizia statunitense in bar e locali LGBT erano all’ordine del giorno. Miravano a reprimere ogni manifestazione di apertura verso la comunità LGBT.

Sovente, vi erano arresti per ‘indecenza’ e i nomi delle persone coinvolte nelle retate venivano pubblicati sui quotidiani. I crimini? Baciarsi, tenersi per mano, indossare abiti propri del sesso opposto oppure semplicemente trovarsi all’interno di questi luoghi di ritrovo.

A partire dal 1965, il giro di vite si allentò e si abbandonarono le politiche di ‘entrapment’ ovvero la pratica dell’adescamento di persone LGBT al fine di arrestarle e i locali crebbero considerevolmente.

I moti:

Nonostante la crescente apertura di quegli anni, la notte del 28 giugno, otto ufficiali della polizia in borghese, irruppero nello Stonewall Inn, locale LGBT di Christopher Street.

Molti dei presenti riuscirono a sfuggire alla retata ma alcuni vennero fermati dalla polizia, rei di baciarsi, essere privi di documenti di identità e di indossare abiti del sesso opposto.

Ben presto però, la folla iniziò ad essere incitata da quelli che vennero fermati.

 Sylvia Rivera, donna transessuale divenuta poi attivista per i diritti LGBT, scagliò una bottiglia ad un agente.

La polizia venne sopraffatta dalla folla inferocita che crebbe a dismisura. Circa 2000 manifestanti si scagliarono contro 400 poliziotti.

In questo frangente, molti manifestanti vennero isolati e picchiati dagli agenti, alcuni vennero arrestati e molti furono i feriti tra le due parti.

Vennero persino inviati rinforzi per contrastare la sommossa ma essi si rivelarono inutili. Un cordone di drag queens si dispiegò a difesa dei manifestanti al grido di: “Siamo le ragazze di Stonewall”.

I moti non si calmarono il 28 giugno ma proseguirono per diverse notti.

La nascita dei movimenti di liberazione LGBT:

A seguito dei moti, molti movimenti di liberazione si formarono per rivendicare il diritto di libertà non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo. L’anno successivo, venne organizzata una marcia commemorativa a Greenwich Park ed essa fu il primo Pride al mondo.

L’Importanza della memoria:

Proprio lo scorso maggio il Presidente Obama ha annunciato che lo Stonewall Inn diverrà monumento nazionale a ricordare i moti.

L’importanza della commemorazione e della militanza per i diritti LGBT, come allora, è ancora essenziale in seguito alla carneficina di Orlando e alle continue manifestazioni di odio come quelle della Westoboro Baptist Church.

Facebook Commenti

commenti

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

15 + 16 =