Al via il raduno anti gay a Roma, mentre a EXPO il padiglione USA festeggia il Milano Pride

0
1149
Siete proprio sicuri che l'omofobia sia libertà d'espressione?

di Michele Pio Antolini


Gli americani non potevano scegliere data migliore per eclissare la banda omofoba che scenderà in piazza con Forza Nuova per gridare a piede libero la loro omofobia e la loro visione del mondo razzista, discriminatoria, irrispettosa delle diversità, dittatoriale, clericalista, fascista e sovversiva.
Gli americani non potevano scegliere data migliore per eclissare la banda omofoba che scenderà in piazza con Forza Nuova per gridare a piede libero la loro omofobia e la loro visione del mondo razzista, discriminatoria, irrispettosa delle diversità, dittatoriale, clericalista, fascista e sovversiva. Così hanno deciso di organizzare una giornata arcobaleno nel loro padiglione di EXPO, invitando i padiglioni degli altri Stati a partecipare, in sostegno del Milano Pride 2015.

Fra poco a Roma ci sarà un evento organizzato dalle migliori associazioni catto-retrograde e da alcuni esponenti politici (qualcuno anche dell’attuale maggioranza parlamentare) per la “difesa della famiglia“. Quale famiglia? Quella tradizionale. Perdonatemi, ma cosa intendiamo per famiglia tradizionale? Ci sono varie scuole di pensiero, io seguo quella più blasonata: per “famiglia tradizionale” si intende il modello di famiglia che gli usi e costumi contemporanei definiscono: marito e moglie con figli, marito e moglie separati con figli, vedovi/e con figli, coppie eterosessuali sposate senza figli, coppie di persone unite da una relazione affettiva e conviventi nello stesso luogo…

Alt! Ma come, coppie di persone (quindi anche dello stesso sesso) sono considerate una famiglia? Sì, secondo i canoni “moderni”, no secondo i catto-talebani. E qui viene il bello…

Prima di analizzare quest’ultimo tipo di nucleo familiare, torniamo all’evento di domani. Loro, vogliono difendere la famiglia “tradizionale”, da cosa, vi domanderete: io avrei molte risposte. La famiglia “tradizionale” va difesa dalla diminuzione del potere di acquisto delle persone che fanno reddito, dal deterioramento del sistema scolastico nazionale, dalla scarsità di incentivi e/o sgravi fiscali e non alle famiglie numerose, dalla insufficienza della rete di sostegno alle famiglie in condizioni disagiate, dalla scarsità dei “consultori famigliari”, dall’insufficienza di politiche di sostegno ai componenti portatori di handicap e/o diversamente abili, e continuerei all’infinito…

Niente di tutto questo!! Loro scendono in piazza per “difendere la famiglia tradizionale” da: – disegno di legge sulle unioni civili (ddl Cirinnà); – dalla fantomatica teoria Gender; – dalla g.p.a.; – dall’eterologa..

Ebbene sì, non ci crederete, ma secondo la visione “distorta” di questi personaggi, sarebbero le unioni civili per le persone delle stesso sesso, sarebbe la gestazione per altri (che tra l’altro, a detta loro, verrebbe resa “legale” in Italia con l’approvazione del ddl Cirinnà), la fecondazione eterologa, i gay, le cause della rovina delle famiglie italiane. Solo per non annoiarvi, vi invito a riflettere sulla fecondazione eterologa: da quando quella legge talebana (la 194) è stata cassata dalla Corte costituzionale, molte coppie eterosessuali hanno potuto avere, finalmente, un bambino o più bambini pagando un “costo” sociale e sopratutto economico molto ma molto basso: fino a pochi mesi fa queste persone (stragrande maggioranza coppie eterosessuali) dovevano letteralmente emigrare nei Paesi nei quali era consentita la fecondazione eterologa.

Sulla GPA non mi prolungo più di tanto perché vietata era e vietata sarà anche dopo l’eventuale approvazione del ddl Cirinnà, sulle unioni civili.

Cosa pensate? Non credo che vostro fratello/sorella sposato/a subirà qualche “deterioramento” nei rapporti e/o nel portafoglio se tu e il tuo/a compagno /a vi sposate. Quindi? È tutta una farsa, è tutta una messa in scena per nascondere il vero obiettivo: impedire che altre persone siano felici, impedire che la società civile italiana diventi moderna, almeno come in alcuni Paesi viciniori.

Queste persone, specie i politici, sono la vera causa della rovina delle “famiglie” italiane: tutte comprese, siano esse quelle “tradizionali” e siano esse quelle “moderne” perché sono stati incapaci di attuare politiche di difesa e di incentivo per le famiglie, anzi, le hanno viste sempre come “bancomat” per tassarci sempre di più…e intanto molti di loro, hanno sulle spalle qualche procedimento penale per bancarotta (il sen. Azzolini, ncd) ecc ecc…

Facebook Commenti

commenti

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

diciassette − sei =