#RaiOmofoba, Mine vaganti in onda col bollino rosso

2
1562

Omofobia, la Rai manda in onda Mine vaganti col bollino rosso. ll web si indigna e protesta con l’hashtag #RaiOmofoba. La reazione di Ferzan Ozpeteck e le scuse di viale Mazzini.


Nuova polemica travolge la Rai. Dopo la pubblicazione degli stipendi d’oro dei dirigenti, il servizio pubblico torna a far parlare di sé.

Il caso.

Questa volta l’accusa è quella di omofobia. Su Rai 4 è andato in onda in prima serata Mine vaganti, film diretto da Ferzan Ozpeteck.

La storia racconta il doppio coming out di due fratelli. Un approfondimento ironico, a tratti comico, delle reazioni e dei ruoli all’interno di una famiglia vecchio stampo del sud Italia.

Nulla di strano, anzi, se non fosse che la pellicola è stata trasmessa con bollino rosso. L’avviso che consiglia la visione del programma al solo pubblico adulto. Trattamento solitamente riservato ai film horror, erotici, o violenti.

I precedenti. 

Del resto la tv di Stato non è nuova a questo tipo di polemiche.

Qualche anno fa, la falce della censura aveva fatto saltare una puntata della fiction “Un ciclone in convento”.

Poi era toccato a “I segreti di Brokeback Mountain”, mandato in onda senz la famosa scena di sesso e privo di effusioni amorose.

Le reazioni.

Dai social si è subito levato un vespaio di polemiche al grido di #RaiOmofoba.

Fra le tante voci non si è fatta attendere quella di Ferzan Ozpeteck.

“Sono sempre stato rosso e rosso rimarrò -ha dichiarato il regista -. Ho sempre amato il rosso. Ma questa volta proprio no”.

Il dietrofront di viale Mazzini.

In giornata, però arrivano le scuse di Rai 4.

“L’attribuzione del consiglio di visione per adulti al film Mine vaganti, trasmesso ieri in prima serata su Rai 4 – si legge nel post pubblicato sul profilo Facebook del canale – è frutto di un banale errore per il quale ci scusiamo. Non si tratta dunque di una valutazione di merito, ma di una svista, che ci rincresce particolarmente. A comprovare la nostra buona fede c’è anche la sua trasmissione con consiglio di visione per tutti su Rai Movie, canale sottoposto alla medesima direzione del nostro”.

Facebook Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteCome si può cambiare, senza la conoscenza?
Articolo successivoParma, coppia gay aggredita da una guardia con rottweiler
Andrea Miluzzo
Sono nato a Catania il 9 gennaio 1987 e ho una laurea in Lettere Moderne. Finita l'università sono partito per Firenze, città in cui attualmente vivo. Qui, nel dicembre 2013 mi sono specializzato in Filologia Moderna. Nel luglio 2014 ho ideato il progetto di LGBT News Italia, nato prima come semplice Pagina Facebook. Poi, a ottobre 2014, è nato il sito web di cui attualmente sono responsabile.

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

12 − 7 =