Il re di Norvegia fa un discorso sui diritti LGBT

1
1768
Norvegia
Norvegia

Il monarca di Norvegia Harald V ha tenuto una festa privata nei giardini di palazzo. Ha parlato dinanzi a 1500 invitati di uguaglianza, immigrazione e diritti. “Il popolo norvegese – ha detto – sono ragazze che amano le ragazze, ragazzi che amano i ragazzi”.


Harald V di Norvegia e il discorso sull’uguaglianza

Il Monarca ha deciso di invitare 1500 ospiti per una cerimonia privata lo scorso primo settembre. Per l’occasione, ha voluto spendere alcune parole riguardo i grandi flussi migratori verso l’Europa. Ma non solo. Il Re di Norvegia ha voluto lanciare un messaggio chiaro di uguaglianza, libertà, accettazione e cooperazione.

“Il popolo norvegese sono ragazze che amano le ragazze, ragazzi che amano i ragazzi, i migranti provenienti dall’Afganistan, dal Pakistan, dalla Polonia, dalla Svezia, dalla Somalia e dalla Siria” – ha dichiarato. “Il popolo norvegese siamo noi, noi siamo la Norvegia” – ha enfatizzato Harald V.

La Norvegia e i diritti LGBT

Secondo l’immaginario collettivo la Norvegia rientrerebbe tra gli stati più liberali al mondo. In realtà lo stato dei fiordi ha reso legale il matrimonio egualitario  con l’adozione da parte delle coppie dello stesso sesso solo nel 2009.

Nel gennaio 2014 é stata approvata una legge che vieta la discriminazione  della sessualità e dell’orientamento sessuale ma non vi é ancora una legge contro i crimini d’odio.

Vi sono ancora numerose lacune per quanto riguarda il riconoscimento delle persone transessuali. Lo stato infatti non riconosce il cambiamento di sesso se non viene effettuato un intervento chirurgico correttivo completo.

Un sondaggio effettuato nel 2013 ha rivelato che una buona parte della popolazione é abbastanza tollerante riguardo i diritti delle coppie dello stesso sesso.

Lo stesso però non si può dire circa le persone transessuali.

Le parole del Re Harald V di Norvegia si situano, dunque, in un contesto controverso.

Facebook Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteFoto sessista contro la presidentessa di Stonewall: “ODG prenda provvedimenti”
Articolo successivoHillary Clinton e la sua svolta nella lotta per i diritti LGBT
Christian G. Moretti
Sono nato a San Giovanni Rotondo (FG) il 9 febbraio 1984. Mi sono trasferito a Parma dove mi sono laureato in Lingue Straniere nel 2007. Nel 2007 ho lasciato l'Italia per andare a vivere a Barcellona ed in seguito, nel 2008, mi sono spostato a Canterbury, nel Regno Unito, dove ho conseguito una laurea Master ed un Dottorato di ricerca in letteratura comparata. Attualmente vivo ed insegno in Irlanda. Sono autore di romanzi, poesia e saggistica. Tra le mie pubblicazioni vi sono 'Che Morte non Vi Separi (Fuoco sulla mia Carne)' 2015 Europa Edizioni, 'L'Attesa delle Isole' 2016 Edizioni Croce, 'Conversations with the Self' 2015 Troubador UK ed una lunga serie di saggi pubblicati da prestigiosi atenei mondiali quali Harvard University, Flinders University, University of Kent, University of London, Paris Sorbonne. Sono attualmente Mr. Gay Limerick (Irlanda)

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

sette + 16 =