La Russia bandisce Tim Cook: “Porterebbe ebola, AIDS e gonorrea”.

0
224

San Pietroburgo – Ha dello scioccante (ma forse non per gli standard russi) la proposta di un politico russo.
Vitaly Milonov, uno degli “attivisti istituzionali” anti-LGBT più in vista di San Pietroburgo. La sua proposta è quella di bandire per sempre Tim Cook dalla Russia.
“Cosa potrebbe portare al nostro Paese se non Ebola, AIDS e Gonorrea?”

La notizia, riportata da Flashnord (un giornale di informazione russo), è una chiara replica al coming out che il CEO di Apple aveva affidato ad un’intervista in prima persona sul Bloomberg Newsweek nei giorni scorsi, oltre che una ulteriore presa di posizione sulla tematica LGBT.
Ma più che chiarire l’ormai limpida posizione Russa, la dichiarazione di Milonov ci fornisce un’ottima rappresentazione degli estremi tra cui si muove la questione LGBT nel mondo. Da un lato la tensione verso una piena tutela e una piena uguaglianza dei diritti e dall’altro la totale avversione nei confronti di una categoria di persone, ritenuta, per ignoranza o follia, ricettacolo di malattie. Prescindendo da questo, però, ci interessa riflettere su questo: quando la politica di altre nazioni prende posizioni in merito alle tematiche LGBT, di fatto sta scegliendo di camminare verso uno dei due opposti. La politica italiana si sta davvero allontanando dalla folle ignoranza Russa?
Speriamo di sì.

Certo ci incuriosisce il timore che Milonov ha di essere contagiato. Che sotto sotto anche lui abbia qualcosa da condividere con gli omosessuali, più o meno come gli attivisti anti-LGBT rivelatisi poi gay, di cui parla Repubblica in una delle sue ultime inchieste?
Speriamo di no.

Facebook Commenti

commenti

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre × 3 =